Matera, due passi nella storia

matera-7bConosciuta come “Città dei Sassi”, Matera è una delle più antiche città al mondo ad essere abitata, con insediamenti risalenti a circa 10.000 anni fa, più o meno coetanea di città come Gerico e Aleppo (millennio più, millennio meno). Arrivare fin qui non è semplicissimo, né e semplice muoversi tra le stradine ripide, ma lo spettacolo di questa città unica dove il tempo sembra essersi fermato è vera magia.
“Città bellissima, pittoresca e impressionante”, come fu definita da Carlo Levi in “Cristo si è fermato a Eboli”, museo a cielo aperto della storia umana, dall’Età della pietra ai giorni nostri: un groviglio di vicoletti e scalinate, chiese, campanili, orti, terrazze, grotte che si sviluppano sul cosiddetto “sasso caveoso” e “sasso barisano”, i due antichi rioni della città.
Originariamente i Sassi di Matera erano un ambiente rupestre molto simile a quello dove si trova il parco della Murgia, sull’altro lato del canyon scavato dalla Gravina di Matera. A proposito: a parte la bellezza dello scenario, purtroppo il torrente è una fogna a cielo aperto, unico neo di questo posto straordinario. Il versante dei Sassi, quello occidentale, presenta in alto una serie di terrazzamenti, colline e pianori più adatti all’insediamento umano, luoghi che nel corso dei millenni sono stati trasformati da villaggi rupestri in una vera e propria città. Fino agli anni Cinquanta le case nelle roccia erano abitate, poi furono sgomberate per ragioni igienico – sanitarie dettate da una legge nazionale . Oggi molte sono state restaurate e sono visitabili e alcune ospitano unici alberghi nel cuore della città.

E poi ci sono le celebri chiese rupestri, con i loro affreschi (purtroppo spesso sbiaditi) nelle grotte di tufo che testimoniano il passaggio evolutivo dell’uomo dalle fasi preistoriche al cristianesimo, il bel duomo romanico, edifici barocchi e rinascimentali fin su alla “città sopra la città” che si estende intorno piazza Vittorio Veneto.
Matera è stata set cinematografico di molti film, non solo il famoso “La Passione di Cristo” di Mel Gibson; ad esempio anche “Ben Hur” (quello del 2016) è passato di qui per ricostruire le ambientazioni dell’antica Galilea, e qui fu girato anche “Il Vangelo secondo Matteo”di Pasolini.
I sassi di Matera sono stati dichiarati patrimonio dell’umanità nel 1993 e nel 2019 la città sarà capitale europea della cultura. Anche prima di allora, vale una pena venire fin qui ed entrare in un presepe a grandezza naturale, perdersi tra il silenzio delle stradine e di suggestivi scorci paesaggistici che prendono sfumature diverse con il cambiare della luce del giorno.
Cercate di evitare i periodi affollati e di pernottare in una delle strutture ricavate nei sassi. L’albergatore vi suggerirà dove lasciare l’auto e vi verrà a prendere al parcheggio. Poi sarete voi e 10000 anni di storia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...