Croazia 2015: Dubrovnik, Spalato, Korcula

Dubrovnik (29bis)

Galleria fotografica

Leggi tutti i diari di viaggio          Pubblicato anche su viaggiareliberi.it

Breve settimana in Croazia (29/06-6/07), senza automobile, per qualche visita culturale e un po’ di mare. L’itinerario è stato preparato velocemente nel tentativo di non forzare i tempi e rilassarci. Le nostre scelte si sono orientate su due città storiche (Dubrovnik e Spalato) e l’isola di Korcula, buon punto di partenza per alcune gite in isole vicine. Il risultato è stata una sosta a Korcula troppo lunga e noiosa, il forte caldo che non ha permesso di godere delle spiagge al meglio e…le spiagge stesse in quanto, essendo soprattutto fatte di grossi ciottoli o blocchi di pietra, non agevolano certo le lunghe permanenze in ozio. Mare stupendo, ma che si vive molto meglio se si ha una barca: dalla riva, dai quei pochi scomodi accessi in pietra, ho avvertito una certa frustrazione.

Trasporti
Esistono collegamenti aerei da Roma con Dubrovnik e Spalato, cosa che permette un veloce (ed economico) spostamento di andata e ritorno dalle due città. I nostri biglietti con Vueling (Roma-Dubrovnik e Spalato-Roma, durata circa 1h10), comprati con poco più di un mese di anticipo, sono costati circa 90€ a persona.
Attenzione agli orari delle compagnie di navigazione. Ad esempio nel 2015 non sono previsti ferries da Dubrovnik verso Korcula, ma solo catamarani. C’è quindi riduzione di orari e anche di posti, per cui meglio prenotare prima: nei mesi di alta stagione, meglio almeno due giorni prima.

Dubrovnik

Il meraviglioso centro storico di Dubrovnik, non a caso definito perla dell’adriatico, sembra finto per quanto è perfetto. Ricostruito e tirato a lucido dopo i bombardamenti della guerra del 1991-1992 (circa 2000 bombe) è tagliato in due dallo Stradun ed è racchiuso da circa due chilometri di mura.
Suggerire cosa vedere è inutile perché il centro è piccolo, è tutto a portata di mano e una giornata è più che sufficiente per conoscere le stradine e fare un giro sulle mura.

Appunto le mura, bellissima passeggiata (100kn o gratis con Dubrovnik Card) che necessita circa 90 minuti, molto meglio se non c’è molta gente. Dall’alto si vedono belli scorci della città ai vostri piedi e qualche veduta più riservata di case e giardini. E’ bello senz’altro perdersi nella miriade di stradine. Entrando da Porta Pile, sul lato destro dello Stradun ci sono tante viuzze, infiniti ristoranti e alcuni punti di visita (piazza del mercato, chiesa Sant’Ignazio, alcuni musei). Dall’altro lato dello Stradun c’è essenzialmente una unica strada (sulle scalinate) molto pittoresca con numerosi ristoranti. Unico neo in questo piccolo centro è l’eccessivo numero di ristoranti e dei relativi gestori che cercano di invitarti a sederti.

Dubrovnik (60bis)
Oltre al giro sulle mura, abbiamo visitato il palazzo del Rettore (100 kn, biglietto che include l’accesso ad altri musei civici, oppure gratis con Dubronvik Card) in stile gotico-rinascimentale: c’è poco da vedere oltre alla scala dell’altrio. Molto meglio invece passeggiare in città e magari trovare le indicazioni di “Cold drink, great view” che conducono a Buza e il bellissimo bar omonimo sulle scogliere a picco sul mare.

Per una pausa mare, poco fuori il centro, oltre il vecchio porto, c’è la spiaggia di Banje (sabbiosa). Altre spiagge, ma ciottolose, sono in zona Lapad che è anche la zona degli alberghi. Le spiagge più famose sono Copacabana e Cove beach (per i naturisti). Copacabana è piccola, ha docce e bagni, ci sono pochi spazi per l’accesso libero ed è generalmente affollata: niente di particolarmente interessante. Lungo la penisola di Babin Kuk c’è un sentiero pedonale (che proprio intorno Copacabana si perde per alcune centinaia di metri) che permette l’accesso anche ad altre (poche) spiagge più piccole e meno frequentate.

Informazioni

Aeroporto. I tempi per lasciare l’aeroporto sono stati eccezionalmente lunghi in proporzione alle dimensioni del posto. A parte il ritardo di 90 minuti del volo, una volta arrivati la consegna dei bagagli è veloce, ma poi facciamo una prima fila per il bancomat, una seconda fila per comprare i biglietti dello shuttle bus Atlas (40Kn) e una terza per attendere il bus. Risultato: l’aereo atterra alle 14.15 circa, arriviamo in città alle 17. Notizia importante: il percorso del bus vi permette di vedere la miglior vista da cartolina di Dubrovnik poco prima di raggiungere la destinazione.

Autobus locali. Conviene comprare il biglietto giornaliero (30Kn) che dura 24 ora dalla prima convalida (la singola tratta costa 12Kn alla biglietteria, 15 Kn al conducente). Il trasporto è gratis con la Dubrovnik Card. I collegamenti con Lapad sono frequenti (un autobus ogni 10 minuti) ma spesso le vetture sono affollate. Occasionalmente circolano i bellissimi vecchi bus.

Dubrovnik Card. L’abbiamo snobbata, ma forse abbiamo fatto male. C’è infatti anche la carta per 24h al costo di 150 Kn. Considerato che include l’ingresso alle mura (100Kn), al palazzo del Rettore (100Kn) e permette l’uso del trasporto pubblico (30Kn il biglietto giornaliero), è una soluzione da prendere in considerazione.

Fontane potabili. Fortunatamente ce ne sono diverse in città, in particolare a ridosso della fermata dei bus e di porta Pile.

Deposito bagagli. Un po’ difficile da individuare, ma basta chiedere all’ufficio turistico. Si trova tra i negozi delle fermate dei bus locali fuori porta Pile.

Porto di Gruz. I traghetti di linea (per Spalato e le isole) partono da Gruz, non dal porto vecchio in città. Ci si arriva con un paio di linee bus che fermano anche a porta Pile.

Dove mangiare

Abbiamo provato “Dubravka”, consigliato da Lonely Planet. Si trova poco fuori porta Pile, vicino alla fermata dei bus: si mangia bene (ottimo pesce) a prezzi ragionevoli e con vista scogliere (o mare, se riuscite a prendere i posti migliori).

Il ristorante “Pupo” (Miha Prakata, 8) è invece segnalato dall’opuscolo “Dubrovnik” distribuito dai centri turistici. Si mangia bene anche qui, buon prezzo e il personale è molto gentile: non ci fa pagare i contorni perchè abbiamo atteso a lungo e poi ci offre dell’ottimo amaro a base di carrube.

Dubrovnik, BuzaIl piccolo “Buffet Skola”, ancora segnalato dalla Lonely Planet, è un posto normale dove si mangiano panini normali (circa 30 Kn) e con non grossa varietà di offerta.

E ovviamente abbiamo preso un drink sugli scogli al Buza Bar (Ilije Sarake), bello di giorno quanto di sera al chiaro di luna.

Korcula

La piccola città di Korcula è racchiusa da mura difensive ed è fatta da piccole stradine che collegano lungomare e centro storico. Il tutto nello spazio più piccolo di un campo di calcio per cui la visita in un paio di ore è già conclusa. La città offre, in questa piccola area, edifici in stile gotico-rinascimentale, un po’ di belle botteghe, piccoli vicoli e alcune discese a mare sulle rocce (il mare è cristallino). Vale la pena fare due passi verso il convento domenicano: la passeggiata è tranquilla (c’è una buona spiaggia con ciottoli in quella direzione) e c’è una bella veduta della città. Non c’è molto da fare e nelle nostre 3 notti di soggiorno abbiamo incrociato sempre gli stessi musicisti che si esibivano allo slargo presso la torre con i cannoni. Il maestrale poi rovina i pomeriggi di mare: infatti il lato nord-ovest della città, soleggiato, è di solito battuto da vento fortissimo; il lato est, più riparato, è però già all’ombra.

La città fa uso intenso di acque minerali in bottiglie (ma non ne prevede la raccolta differenziata): la proprietaria del nostro appartamento dice che loro non bevono l’acqua di rubinetto, in città non ci sono fontane e quindi non resta che il supermercato.
Motivo per fermarsi qui è di sicuro l’impressionante “Danza delle spade” (Moreska), antica danza del XVII secolo che solo qui viene eseguita. Al costo di 100 Kn assisterete a uno spettacolo di circa 60 minuti di cui una trentina occupati da questa accesa danza con tanto di pugnali che fanno scintille e qualche ferita a fine manifestazione.
Per chi non ha né barca né auto tutto il resto è molto complicato. Le spiagge di Lumbarda, cittadina circondata da vigneti che crescono su sabbia, si raggiungono con pochi autobus che impiegano 15 minuti: lasciare la spiaggia dopo le 19 richiede un taxi. Qui si trovano due spiagge sabbiose con acqua bassa: superati i primi 20 metri di mare, l’acqua riprende il suo splendido colore e sembra di nuotare in una piscina. La spiaggia di Plaza Przina (circa 10minuti a piedi dalla fermata del bus) ha un ristorante e si possono noleggiare ombrelloni e lettini a prezzi contenuti.

Vela Lika e la baia di Pavja Luka sono altre due mete dell’isola (non le abbiamo viste), ma bisogna informarsi bene su come raggiungerle.
Korckula è un buon punto di partenza per visitare l’isola di Mljet (Meleda) e il suo parco naturale: gli attracchi migliori sono Pomena e Polace, ma poi da lì avete bisogno di noleggiare un auto o la bici. Considerato il forte caldo (intorno 35°C) non me la sono sentita di avventurarmi una giornata sotto al sole.

Di fronte a Korcula c’è Orebic: le due città sono collegate con piccoli traghetti ogni ora. Secondo la Lonely Planet, Orebic vanta le spiagge più belle della Dalmazia, tra cui figura quella di Trstenica. Vi sintetizzo di seguito la nostra esperienza.
Traghetto ore 10 da Korcula (bella vista della città dal mare), arrivo al porto di Orebic alle 10.30 circa. Ci incamminiamo verso est, incrociamo l’ufficio turistico dove prendiamo la mappa. In circa 20 minuti di piacevole passeggiata lungo il mare (a parte il caldo) raggiungiamo finalmente la spiaggia di Trstenica “ampia curva di sabbia e ghiaia sottile, orlata da grandi alberi”. A parte il fatto che un buon tratto è costituito dai soliti megaciottoli e che gli alberi sono confinati in una scarpata contenuta da cemento (e quindi non arrivano sulla spiaggia), qui non c’è traccia d’ombra né si affittano ombrelloni. Ore 11.30 siamo pronti per traghetto che ci riporta a Korcula. Meno male che un delfino allieta il percorso di ritorno.

Dormire e mangiare

Abbiamo pernottato nell’appartamento “Katija & Egon Depolo” a due passi dalle mura della città. La signora parla benissimo l’italiano ed è stata di grande aiuto durante il soggiorno. Buon prezzo per 4 notti e un appartamento accogliente con affaccio sul porto e wifi.

In città ci sono tantissimi ristoranti ma molti mi sembrano decisamente turistici e scadenti. Pranzare o cenare con vista mare è però bellissimo, soprattutto con notti di luna piena come è accaduto a noi. Ma in fondo la stessa vista si ha dalle scogliere facilmente accessibili.

Konoba Mareta (Ulica Sv. Roka, 4) è il miglior posto che abbiamo provato: buon menu, ottimi prezzi, buon cibo, sale accoglienti e si mangia bene anche ai tavoli lungo le stradine appartate.

La konoba Morski Konjic, che affaccia sul mare, è abbastanza scadente.

Anche LD Terrace, consigliato da Lonely Planet, è una delusione: prezzi elevati, accoppiamenti ricercati ma piccole porzioni e con conseguente fame residua a fine cena.

Spalato

E’ la seconda città della Croazia e il suo centro storico è patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Divenne una città famosa quando l’imperatore romano Diocleziano si fece costruire (intorno al 300 d.c.) il palazzo in cui intendeva ritirarsi nella vecchiaia. Ancora oggi questo palazzo è la meta principale della visita a Spalato, anche se più che di “palazzo” dovremmo parlare di “città”. Infatti il palazzo di Diocleziano non è l’edificio originario, ma un area pressoché quadrata (appunto, il centro storico) che racchiude strade, negozi, case, ristoranti e qualche edificio storico che è memoria dei tempi passati. Si può passeggiare liberamente per le strade, mentre si paga l’ingresso per pochissimi siti.

La parte più autentica del palazzo di Diocleziano è quella intorno al “peristilium”, il cortile d’ingresso cerimoniale su cui affaccia la cattedrale. Sugli scalini ci si può sedere ad osservare il via vai di gente o per sfruttare il servizio del bar del posto. A mezzogiorno una rappresentazione storica vi offrirà il saluto in latino dell’imperatore Diocleziano. Sempre dal peristilium si accede ai sotterranei (cominciando dalla parte a ingresso libero piena di bancarelle) attraverso una ripida scalinata.

Tra gli ingressi a pagamento, vale la visita alla piccola cattedrale di San Doimo (quella sotto il campanile), mentre assolutamente marginali sono la sua cripta, il tempio di Giove (la sfinge nera situata all’ingresso, che passa quasi inosservata, fu importata dall’Egitto nel V secolo) e i sotterranei del palazzo. Il costo degli ingressi è basso (10-15 Kn per i primi tre, 40Kn per i sotterranei); c’è un biglietto cumulativo per alcuni siti, ma i sotterranei hanno un biglietto a sè.
La visita a Spalato è di sicuro una delle migliori mete croate e richiede non più di una giornata; il lungomare, un po’ spoglio e affollato di bar e ristoranti dall’aspetto turistico, non è che offra vedute molto interessanti. Con un po’ più di tempo si possono raggiungere due mete poco fuori il centro. Bacvice ha una animata vita balneare e notturna ed offre una spiaggia in ciottoli molto frequentata. Dall’altra parte c’è il monte Marjan, polmone verde della città attraversato da sentieri, punti panoramici, uno zoo e,alle sue pendici, alcuni punti per la balneazione.

Collegamenti

L’aeroporto si raggiunge con taxi (circa 350Kn) o con i bus shuttle (indicativamente 25Kn). Noi abbiamo approfittato del passaggio (a pagamento) dei proprietari dell’appartamento e il tragitto è durato circa 30 minuti.

Fontane. A memoria, l’unica è fuori porta la porta Aurea (a nord) a pochi passi dalla statua di Gregorio di Nona. Ottima acqua fredda!

Dove abbiamo mangiato

Bepa. Piccolo ristorante che affaccia su una bella piazza cittadina (Medvedgradska 56) dove il cibo è cotto al momento. Si mangiano soprattutto buoni panini (ma non solo) a base di pesce a costo contenuto (circa 35-40 Kn).

Konoba Tovar. Abbiamo dato una chance a questa taverna gestita da giovani ragazzi. In onestà, cibo appena accettabile a prezzi, in proporzione, elevati.

Pernottamento

Room Leon – Tara (Plinarska, 35). Proprietari gentilissimi che ci vengono a prendere al porto e ci fanno fare un giro panoramico prima di portarci all’appartamento. L’alloggio è a cinque minuti a piedi dall’ingresso della zona antica, ha il wi-fi ma è un po’ piccolo. L’unico neo è stata la comunicazione con i proprietari perchè non hanno pubblicizzato una e-mail per contattarli (l’email è: lola123wri@gmail.com).

Annunci

2 risposte a “Croazia 2015: Dubrovnik, Spalato, Korcula

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...