Diario di viaggio: Cotswolds, Stratford-Upon-Avon, Oxford, Cambridge

Diario e opinioni di viaggio: Inghilterra, Stratford-Upon-Avon, i villaggi delle Costswolds, Oxford, Cambrige, Ely.
Vai alla galleria fotografica
          Tutti i diari di viaggio     Anche su viaggiareliberi.it

Desideroso di mantenere la mia personale “media-pioggia” stagionale, l’Inghilterra mi è sembrata la meta che non avrebbe deluso le aspettative. E invece, dopo la piovosa estate cornica del 2012, il meteo regala al futuro regno del Royal Baby una settimana estiva (quasi nel senso mediterraneo del termine) che ci ha permesso di apprezzare nel suo splendore la campagna inglese. Il sole dà sempre un tocco in più a ogni posto che si visita per la prima volta, soprattutto quando si passa tra interminabili distese verdi, praterie, campi coltivati e piccoli villaggi nascosti che, senza il bel tempo, non sarebbero potuti essere goduti appieno. E così abbiamo avuto la possibilità di pranzare sulle rive dell’Avon e di fare un giro in bici verso una delle più inglesi sale da tè immerse nel verde. Tra un piccolo villaggio e un altro, tutti in pietra e del colore del miele, tra posti accoglienti e pittoreschi e un accenno di monotonia, le imponenti Cambridge e Oxford ci hanno offerto un cambio di ritmo, di prospettive e di panorami di assoluto beneficio per il successo del viaggio.
Ma il vero motivo che ci ha spinti verso la campagna inglese è stato molto più nobile: ritrovare l’appuntamento quotidiano con il cream tea.

Di seguito, come sempre, le notizie e poi il racconto di questi sette giorni trascorsi nel sole e nel verde della countryside inglese.

Itinerario

OxfordSull’esperienza dello scorso anno (giro della Cornovaglia, leggi il diario) abbiamo pensato di rallentare il ritmo per goderci meglio i posti. Eravamo consapevoli che avremmo trovato piccoli centri abitati (ma non così piccoli…) e quindi abbiamo alternato alcune soste in città più grandi. Durante il viaggio abbiamo aggiunto delle tappe non programmate (Winchcombe, Northleach, Minster Lovell) considerati i brevi tempi di percorrenza tra due destinazioni (anche solo 30 minuti) e gli altrettanto brevi tempi necessari per la visita dei vari villaggi.
Tutte le informazioni sono state prese da guide turistiche, diari in rete e dai siti turistici ragionali, oltre che dalla imbeccata di Annalisa, la curatrice del sito di scambio casa Homelink.

Miglia percorse: 522 miglia (circa 840 km)

Itinerario: Aeroporto East Midlands, Warwick (2 pernottamenti), Stratford-ItinerarioUpon-Avon, Chipping Campden, Tewkesbury, Cheltenham (1 pernottamento), Winchcombe, Bourton-on-the-Water, Slaughter, Bibury, Northleach, Oxford (2 pernottamenti), Burford, Minster Lovell, Cambridge (2 pernottamenti), Woodstock, St. Albans, Ely.
Vai alla galleria fotografica

Benzina: 25£ + 35£ per aver scelto di consegnare l’auto a serbatoio vuoto (totale circa 74€).

Aeroporto East Midlands e noleggio auto

L’aeroporto si trova in Castle Donington, Derby. Non è forse il migliore per accedere alle Cotswolds, ma la tariffa Ryanair era di gran lunga la migliore, tanto da giustificare un pernottamento in più. All’aeroporto si trovano diversi noleggi auto. La proposta migliore la troviamo sul sito dell’aeroporto (www.eastmidlandsairport.com) ed è con Alamo: 7 giorni, 110£ (circa 125€), 300 miglia giornaliere incluse. Ci danno una nuova FIAT 500 di un bel turchese cielo. Ho aggiunto un’estensione di assicurazione per circa 47€ con “Mondial Assistance” propostami dalla stessa procedura di noleggio auto on line. All’aeroporto ho capito che la Mondial Assistance non è proposta da Alamo che quindi non è a conoscenza della stipula nè sa in cosa consiste (in particolare il problema è sempre la copertura sui danni a vetri e gomme). Quindi, in caso di danni, la compagnia di noleggio chiede il pagamento al guidatore che poi chiederà risarcimento alla Mondial Assistance.

MeteoCambridge

Quest’anno finalmente ci è andata di lusso: 7 giorni di sole, pioggia occasionale e lievissima tranne il venerdì sera prima del rientro in Italia quando è stata molto intensa. Temperature alte per le medie di queste parti, tra i 18 e i 26°C a seconda del grado di soleggiamento. Insomma: k-way quasi sempre riposti, camicia tutto il giorno e un maglione di cotone la sera.

Costo della vita, cambio

Il tenore di vita inglese è mediamente alto. In particolare, Cambridge ed Oxoford sono città care. Gli ingressi ai college sono costosi (fino a 7,50£), soprattutto in relazione a ciò che è concesso vedere. Costosissimo l’accesso ad alcuni siti, come il castello di Warwick e il Blenheim Palace.
Abbiamo prelevato da bancomat con cambio 0.81 (senza altri costi di commissione); in Italia Poste Italiane cambiava a 0,85 circa (con 5€ di commissione).
Il costo della benzina e del diesel è quasi lo stesso, intorno ai 1,38 – 1,42£ per litro (in Italia 1,7-1,8€).
I parcheggi a pagamento nei posti più turistici si aggirano intorno a 1£/ora.
Per la cena, si spende mediamente intorno ai 15£.

Alcune opinioni (anche sulle guide turistiche)

Nell’organizzazione del viaggio ci siamo avvalsi, oltre che dei siti di informazione turistica, di alcune guide: Lonely Planet, National Geographic, Mondadori, Touring Club. Tra le quattro, naturalmente le preferenze vanno verso la Lonely Planet, anche se la guida Mondadori fornisce alcune notizie interessanti. Utili brochure si possono scaricare dal sito turistico delle Cotswolds e da quello di Oxford e Oxfordshire.
Per comprendere meglio il contenuto delle mie opinioni nel diario che segue, devo fare una precisazione sul capitolo che la Lonely Planet dedica alle Cotswolds.
Bourton-on-the-WaterLa guida è oggettivamente molto dettagliata e permette una buona visita dei vari villaggi: si consideri che stiamo parlando di una piccola regione di una grossa nazione. Ci siamo però trovati di fronte a centri piccolissimi che, a fronte di descrizioni quali “splendido”, “stupendo” e “grazioso”, offrono talvolta poche unità di edifici (come Minster Lowell) per le quali non saprei dire se una visita sia giustificata (soprattutto per chi non ha a disposizione molto tempo). Aggiungo che molti di questi centri sono piuttosto simili tra loro e quindi, quando se ne visitano molti di fila, alla piacevolezza del posto comincia a subentrare una certa monotonia, aspetto questo che pesa molto sulla valutazione della visita. Quindi, fatta eccezione per villaggi di indubbio fascino (Bourton-on-the-Water e Bibury, ad esempio), ogni altro paese si apprezza tanto meglio quanto meno si visitano i paesi vicini.

Alloggi

A differenza degli altri viaggi nel Regno Unito, stavolta abbiamo fatto un uso limitato di B&B, essenzialmente per conciliare budget e posizione. Oxford e Cambridge sono costose e comunque, in media, il costo di una camera doppia en-suite per notte è stato di 80£. Avevamo provato a pernottare nei college di Cambeidge e Oxford, ma anche in questo caso il prezzo è risultato alto (soprattutto in relazione al servizio). Le strutture sono state scelte seguendo le proposte dei siti di informazione turistica (vedi link a fine diario).

Seven Stars, Warwick. A pochi passi dal centro, il Seven Stars è un vecchio edificio del 1600. L’accoglienza è molto amichevole, la stanza carina e comoda, ma ha come unico difetto il lavabo nella stanza da letto. C’è un piccolo giardino che abbiamo sfruttato per una piacevole pausa té. E’ disponibile un parcheggio gratis, ma meglio chiederlo al momento della prenotazione. La proprietaria, Audrey, è molto preparata sulle informazioni storiche e turistiche. Wi-fi gratis.

The Cheltenham Townhouse. Cheltenham. Bell’albergo moderno a  10 minuti a piedi dal centro città, Si trova in un cul-de-sac e quindi c’è ampio parcheggio. Stanze grandi, comode, pulite, ben arredate, TV con dvd, buona colazione. Wi-fi gratis. Ottimo costo in proporzione alla qualità della struttura.

Westgate Hotel, Oxford. E’ stata la migliore scelta disponibile per prezzo e posizione (meno di 10 minuti a piedi dal centro). L’edificio è vecchio, così come le stanze e i bagni. Struttura che non brilla per pulizia nè per praticità (le stanze si raggiungono con scale ripide), non c’è wi-fi, la colazione ha poche varianti ed è un po’ sotto la media. Meglio richiedere il parcheggio.

Tudor Cottage, Cambridge. Come Oxford, scelto per il miglior prezzo e miglior posizione seppure, stavolta, siamo a circa 25 minuti a piedi dal centro. E’ un bell’edificio in stile Tudor, nuovo, con belle stanze, bel bagno, pulitissimo, c’è parcheggio e wi-fi. Ottima colazione: la proprietaria, Lucia, cucina molto bene anche le crepes. Per contro, non brilla per socievolezza…Peccato che non dispongano di biciclette perché sarebbe un mezzo praticissimo per arrivare in centro.

Sabato 17 agosto: Roma (Ciampino) – East Midlands Airport, Warwick

La partenza nel primo pomeriggio (ore 16) non è il massimo, perché si raggiunge la prima tappa in tarda serata. L’offerta Ryanair era però ottima rispetto ad altri voli o ad altri aeroporti (due biglietti a 340€ con un bagaglio in stiva). Dopo avere preso la macchina al noleggio Alamo (una scintillante FIAT 500 azzurra), si parte per Warwick dove arriviamo intorno alle 21.30 (pernottamento al Seven Stars) e non resta molto altro da fare che dormire.

Domenica 18 agosto: Stratford-Upon-Avon, Warwick (20-26°C, sereno)

La giornata è soleggiata, di quelle che da queste parti sono una rarità. Su suggerimento della proprietaria del B&B decidiamo di visitare Stratford-Upon-Avon la mattina e di rientrare a Warwick il pomeriggio.
Con la macchina raggiungiamo Stratford-Upon-Avon in circa mezz’ora (da Warwick si può raggiungere Stratford anche in bus o treno). Lasciamo l’auto al parcheggio vicino al centro informazioni turistiche: parcheggiare l’auto qui costa circa 1£/ora, a meno che non troviate spazio in un parcheggio giornaliero (offerta molto limitata, circa 4£/dì). In alternativa al parcheggio “pay and display”, che obbliga a fissare in anticipo la durata della sosta, nei pressi del centro Informazioni c’è il Bridgway multi storey car park con pagamento all’uscita. Siamo comunque a due passi dal centro: Bridge street e Waterside da dove tutti i siti di interesse possono essere raggiunti comodamente a piedi.
Avevo letto dell’eccessivo carattere turistico e commerciale di Stratford, tutto incentrato sul suo nativo più illustre. Effettivamente la città basa la sua offerta turistica sulla fama di William Shakespeare, ma comunque posso dire che è un centro molto piacevole, sia per la sua architettura sia per qualche scorcio da tipica campagna inglese lungo le rive del fiume Avon. Proprio su queste sponde approfittiamo per riprendere il rito gastronomico del “pasty” che avevamo scoperto in Cornovaglia (il negozio “Pasty Presto” è in Henley Street).

La città oggi ospita un colorato mercatino lungo il canale e quindi è un posto piacevole per una gita (e non eccessivamente affollato) anche se avessimo ignorato il motivo della vera fama del luogo. A proposito quindi di Shakespeare, noi ci limitiamo a visitare le mete cittadine solo da fuori, ad eccezione della bella Holy Trinity Church, dove il Bardo fu battezzato ed ha sepoltura. Per il resto, visitare la casa della moglie o della madre dello scrittore non è che ci ispirasse particolarmente; riguardo la casa natale, poi,  non si è nemmeno certi che Shakespeare sia nato proprio lì. Valutati anche i costi (non meno di 15£ per un biglietto che permette l’accesso a più siti legati alla vita del Bardo) e la splendida giornata di sole, decidiamo di fare un giro per le vie molto pittoresche del centro.
(Stratford-Upon-Avon – Tempo di visita: almeno 3 ore senza visite ai musei)

Intorno alle 14 ritorniamo verso Warwick. L’idea era di visitare il castello, ma la domenica c’è poca possibilità di ottenere biglietti scontati. L’accesso al Warwick Castle è molto costoso (prezzo normale: 22,80£ per il solo castello; 30,60£ per tutte le attrazioni) e qualche riduzione si può ottenere comprando in anticipo sul sito internet oppure, molto meglio, comprando il biglietto ridotto al 50% presso l’agenzia di viaggi in centro (intorno Market Square). Ma oggi, come dicevo, è domenica e l’agenzia è chiusa. Il castello, al di là del suo pregio storico, dell’ottimo stato di conservazione, dell’originalità di molti arredi, è oggi una grossa attrazione turistica per famiglie quasi come i parchi a tema, grazie a varie trovate quali statue di cera, attori, animazioni nelle segrete…Un po’ a  malincuore, considerato anche il poco tempo a disposizione, decidiamo di desistere e fare un giro per il centro, molto piccolo e con pochi altri punti di interesse. Varcata la West Gate si vede il Lord Leycester Hospital, bella costruzione che ospita una casa di riposo per ex-soldati, che però oggi è chiuso; vale una visita la St. Mary Church (offerta libera; 5£ se volete anche salire sulla torre), mentre molto perplesso mi lascia il Mill Garden. Il giardino (ingresso 2£) è molto bello, ma è piccolissimo (direi che in 5 minuti si è al punto di partenza), non ci sono didascalie che presentino le varie specie floreali nè il volantino all’ingresso fornisce aiuto. La vista del castello è interessante, ma l’impressione è che abbia pagato 2£ solo per questo.


E’ domenica sera: la città è quasi deserta, pochi locali sono aperti e trovare cibo dopo le 20 è molto difficile. Approfittiamo del sole per consumare un te’ nel piccolo giardino del B&B: in città ci sono due sale da tè storiche (“Brethrens Kitchen” al Leycester Hospital e soprattutto “Thomas Oken Tea Room” in Castle Street) ma sono entrambe chiuse.
(Warwick – Tempo di visita: una intera giornata se si visita il castello, altrimenti 2 ore).

Lunedì 19 agosto: Chipping Campden, Tewkesbury, Winchcombe, Cheltenham (18-22°C, variabile)

Partenza direzione Cheltenham con alcune soste intermedie.  Entriamo adesso nel cuore delle Cotswolds, la tipica campagna inglese, caratterizzata da dolci colline che ospitano piccoli villaggi in pietra del colore del miele (ma anche grandi centri quali Bath) e vecchie dimore con tetti in paglia.  Ho già scritto di come avevamo deciso l’itinerario, ma da oggi facciamo i conti con le dimensioni piccolissime dei villaggi, con un affollamento di gran lunga minore di quello ipotizzato e della ripetitività di alcune caratteristiche dei villaggi stessi. Il confronto con la descrizione della Lonely Planet è necessario per comprendere meglio la realtà della visita.

Si comincia da Chipping Campden “gemma incontaminata” con “stupendi cottage di pietra, antiche locande e dimore storiche”. Il depliant del sito cotswolds.com riporta che la città, una delle meglio conservate e di maggiore importanza storica, spesso è descritta come “il gioiello nella corona delle città delle Cotswolds”. A questo villaggio va quindi l’onore e l’onere della prima impressione sulle Cotswolds. Chipping Campden è romantico per il color miele degli edifici, ma lungo la sua stretta strada principale (High Street) la fila ininterrotta a irritante di auto in sosta non permette di avere il giusto contatto con il posto. Poco dietro High Street c’è la bella  St. James Church, una delle principali chiese della regione. (Tempo di visita di Chipping Campden: 1 ora).

Chipping Campden

Da Chipping Campden ci muoviamo verso Tewkesbury passando per Broadway. Non ci fermiamo, ma la vista dall’auto sembra riproporre la stessa urbanistica e architettura di Chipping Campden, con il vantaggio che la strada principale è più ampia (non a caso si chiama “broad” way) e quindi il passeggio tra le case e le botteghe non è soffocato dalle auto in sosta.

A Tewkesbury ci arriviamo anche per le indicazioni del sito delle Cotswolds. Il paese, citato da Shakespeare e Dickens e luogo dell’ultima battaglia della guerra delle Due Rose, sorge alla confluenza tra i fiumi Severn ed Avon ed è descritto come uno dei migliori villaggi medievali d’Inghilterra. La foto sul depliant delle Cotswolds (a ridosso del Tewkesbury Mill) è, secondo me, l’unico scorcio di pregio di questo posto che davvero non offre niente in proporzione alla sua pubblicità ad eccezione della stupenda abbazia del XI secolo, la cui torre è definita come “probably the largest and finest Romanesque tower in England”. L’origine dell’abbazia è del 8° secolo, ma l’aspetto odierno è frutto della ricostruzione del 1092. Una colletta tra gli abitanti ne evitò la distruzione dopo l’istituzione della chiesa anglicana e la conseguente abolizione degli ordini religiosi. La nota piacevole è il pranzo sul prato del Sevrn Ham, dall’altra parte del fiume, dove pascolano liberamente pecore. (Tempo di visita di Tewkesbury: 1 ora).

Considerate le attrattive del posto, alle 13.30 decidiamo di accelerare la partenza verso Cheltenham, definita dall Lonely Planet come “la stella della regione” pervasa da “un’atmosfera di grazia raffinata”. Lasciata l’auto al parcheggio dell’hotel (pernottamento a Cheltenham Town House) il giro in centro ci lascia completamente delusi. Avevamo scelto Cheltenham anche per alternare piccoli villaggi a un centro più grande e più vivo, ma purtroppo qui non c’è proprio niente da vedere. La città, per quanto elegante e raffinata, non ha un anima, non sembra avere una storia e anche la sua strada più celebre, la Promenade, “nota come una delle vie più belle dell’intera Inghilterra”, non mi sembra niente di eccezionale. Il nocciolo del problema è che Cheltenham è da fine 1700 una meta di vacanza dell’alta società inglese e quindi la relativa speculazione edilizia ha da un lato portato la costruzione di splendidi edifici, ma dall’altro non ha dotato la città di un anima accogliente e genuina.
Per quanto detto, dopo un breve e deludente giro in città (gli scorci più interessanti li ho trovati su High St., Montpellier St. e Regent St.) tra le 15.30 e le 17, decidiamo di riprendere l’auto e fuggire da qui verso Winchcombe.

WinchcombeWinchcombe è deserto, ma posso concordare con la LP che basta passeggiare per le stradine per coglierne il fascino e il calore . Ovviamente il paese è piccolissimo e, data l’ora, è tutto chiuso, compreso le sale da tè (eppure sono le 18).  Dato l’orario ignoriamo la visita alla St. Peter’s Church, mentre la passeggiata lungo Silk Mill Lane non è lungo il fiume Isbourne come avevo sperato. Il Sudeley Castle è un importante attrazione del posto, ma decidiamo di non raggiungerlo. (Tempo di visita di Winchcombe: meno di 1 ora).

Si ritorna per la cena a Cheltenham. Fortunatamente High Street offre alcuni posti carini e noi scegliamo “The Strand” (High Street, 40-42) dove si cena fino alle 21 ed ha anche un piccolo giardino.

Martedì 20 agosto: Bourton-on-the-Water, Lower Slaughter, Bibury, Northleach, Oxford (20-22°C, sereno)

Si parte quanto prima per cercare fortuna migliore di Cheltenham.
Bourton-on-the-Water ci fa immergere nuovamente nell’aria delle Cotswolds. E’ probabilmente il villaggio più visitato della regione e viene spesso definito come  “Venice of the Cotswolds” perché attraversata dal fiume Windrush sul quale si passa grazie a stretti e bassi ponti di pietra. Un giro per il piccolo centro in una splendida giornata di sole vale di sicuro la sosta. Ci sono poi le attrattive più turistiche come la ferrovia e il villaggio  in miniatura, ma a noi interessano poco e piuttosto ci avviamo a piedi verso Slaughter.

Al centro informazioni turistiche di Bourton prendiamo una mappa della città che ci indica anche il percorso pedonale verso Lower Slaughter. In 30 minuti a piedi (nel nostro caso, preceduti da gitanti a cavallo) si raggiunge Lower Slaughter dove c’è poco da vedere se non (da fuori) l’imponente Manor e pochi edifici in pietra che si affacciano sul placido fiume Eye. Eppure questo scorcio è tra i più fotografati della regione, oltre che set per produzioni televisive e spot pubblicitari e meta di artisti che si fermano qui a dipingere.

Ci sarebbe un altro chilometro e mezzo verso Upper Slaughter (una persona del posto ci dice che il percorso è interessante e ci consiglia di esplorare il paesino), ma considerati i tempi a disposizione non ce la sentiamo di investire altre due ore per vedere un altro microvillaggio. Decidiamo di ritornare alla macchina (parcheggio 3£/dì in un area poco distante dal Leisure Center) per procedere verso la tappa successiva.
(Tempo di visita di Bourton-on-the-Water: meno di 1 ora, escludendo la passeggiata verso Lower Slaughter).

Bibury è stato definito da William Morris “il più bel villaggio d’Inghilterra” (citazione riportata sia da Lonely Planet, sia dalla brochure delle Cotswolds). Quest’altro “gioiello delle Cotswolds” ha nella sua principale attrattiva una fila di circa 50 metri di cottage in pietra del 14° secolo che pare sia la strada più fotografata della nazione. La vista pittoresca delle case e la vicinanza al fiume Coln, rendono questo scorcio meritevole di visita, ma, come sempre, in 30 minuti il giro è concluso. Anche a voler fare una passeggiata per la parte del paese meno turistica, le vedute che si hanno non offrono molto di nuovo. C’è poi il Trout Farm (ingresso a pagamento), ampia area dove si pescano trote, ci sono aree gioco per bambini e per picnic. Noi decidiamo di concederci un cream tea nei pressi dell’Arlington Mill. (Tempo di visita di Bibury: 30 minuti. Parcheggio libero lungo il fiume).

C’è tempo anche per una visita a Northleach, villaggio del 13° secolo con case in pietra sullo stile dei precedenti, la cui attrattiva principale è la Church of St. Peter Northleachand St. Paul, definita “la cattedrale delle Cotswolds”, senza dubbio più bella da fuori che dentro, eccetto per il delicato color miele che prende la luce. Qui incontriamo la stessa troupe televisiva che era a Bourton-on-the-Water pochi minuti prima, impegnata nelle riprese della serie TV “Father Brown” che ha tra gli attori Mark Williams, interprete tra l’altro di Orazio ne “La Carica dei 101” e di Arthur Weasley nei film di Harry Potter. (Tempo di visita: 30 minuti)

I tempi sono maturi per raggiungere Oxford, dove arriviamo intorno alle 18.
Il giro pre-serale in centro ci permette di fare una bella panoramica della città e dei suoi college, visitabili, data l’ora, solo all’esterno; tanto basta per avere idea dell’eleganza, dell’imponenza  e della cultura di cui è pervasa la città. I primi college (Balliol, Merton, University) risalgono al XIII secolo: oggi se ne contano 39.

Purtroppo qui molte aree verdi sono proprietà dei college e quindi l’accesso è limitato o addirittura proibito. A parte il Christ Church Meadow, c’è poca possibilità di godere di questi spazi.
L’albergo (West Gate) è in ottima posizione (a ridosso della stazione ferroviaria), anche se di ottimo ha solo questo: in meno di 10 minuti siamo in George Street. Di questi tempi i college sono in ferie estive, quindi la città è svuotata dei suoi studenti e forse anche per questo è difficile trovare pasti dopo le 20. Questa sera scegliamo il “The Crown” in Cornmarket Street.

Oxford si gira molto bene in bici, anche se le piste ciclabili sono quasi tutte nel piano stradale. C’è un noleggio bici alla stazione ferroviaria, ma non ho potuto verificare le modalità di noleggio.

Mercoledì 21 agosto: Oxford, Burford, Minster Lovell (20-22°C, sereno)

Oxford, christ church collegeAlle 9.30 siamo al Christ Church Meadow, giardino grande e bello delimitato dai fiumi Cherwell e Tamigi (che qui chiamano Isis, dal nome latino) e che costeggia l’omonimo college dandone un bello scorcio. Il Christ Church College (ingresso 7.50£) è una delle principali attrazioni della città, sia perché è il più grande e sontuoso (vi studiariono, tra gli altri, Einstein, il filosofo Locke e lo scrittore Charles Dodgson, in arte Lewis Carroll), sia perché è stato utilizzato come ambientazione e ispirazione per alcune scene del film “Harry Potter”. In particolare la  great hall, impressionante refettorio preso a modello per quello della scuola dei maghi di Hogwarts, e la scalinata con cui lì vi si accede (in questo caso, le scene sono state girate proprio al college). La principale attrazione del college è quindi nella great hall e, oltre all’architettura e alla discreta Christ Church Cathedral, la più piccola della città, la visita non permette molto altro.Oxford, christ church college (cannocchiale di Alice)
Sempre a proposito della great hall, da notare gli oggetti in ferro dentro ai camini: hanno ispirato il cannocchiale di Alice nel paese delle Meraviglie (vedi foto a lato).

Altro college che visitiamo, in due riprese, è il Magdalen College (ingresso 5£), immerso in un ampio parco attraversato dal Cherwell, la cui silhouette caratterizza la parte bassa di High Street. Qui studiò anche Oscar Wilde, ma non abbiamo trovato grosse tracce del suo passaggio. Le visite interne sono molto limitate:  si vedono un paio di bei chiostri immersi nel verde, mentre per vedere la great hall (molto più discreta e piccola di quella del Christ Church) dobbiamo ritornare nel pomeriggio. A quel punto approfittiamo per un abbondante afternoon cream tea sulla terrazza della cucina del college, affacciati sul parco (Deer Park) e sul fiume.

Nella pausa tra le due visite al Magdalen,approfittiamo per un giro in centro, in particolare intorno alla Redcliffe Square. La piazza è delimitata da begli edifici,  la bella chiesa di St. Mary e dalle mura della Codrington Library. La Redcliffe Camera è l’edificio simbolo di Oxford: è una biblioteca a pianta circolare di metà 1700 ricca di scaffali su più livelli. Purtroppo si può visitare solo a orari prefissati e con visita guidata.

Alle spalle della Redcliffe Camera (Lato opposto a St. Mary) c’è l’accesso a un cortile con una serie di edifici interessanti e famosi.
La Bodleian Library è una delle più antiche biblioteche pubbliche al mondo ed è una delle tre “copyright library” inglesi, cioè contiene almeno una copia di qualsiasi pubblicazione stampata in inghilterra (le altre due sono la British Library di Londra e la Cambridge Universtity Library).
Lo Sheldonian Theater, ispirato al teatro di Marcello di Roma, ha la facciata rettangolare e il retro semicircolare.


Dall’altra parte delle cancellate su Cattle Street si vede il ponte dei sospiri, Bridge of Sighs, copia del celebre omonimo veneziano. Sotto al ponte, la stradina è molto pittoresca e conduce fino alla  St. Edmund Hall (ingresso libero), che offre poco da vedere se non il cortile (la cappela era chiusa).
Gira e rigira, non troviamo l’accesso all’Exeter College. Evitiamo poi le visite museali perché il tempo è bello e preferiamo passeggiare; evitiamo anche il “punting”, la tipica navigazione con pertica dei fiumi cittadini, perché ci pare solo una gran faticata.

Burford

Nel pomeriggio, sazi del girovagare per Oxford, riprendiamo la strada delle Costwolds (lato Oxfordshire) per visitare Burford, “splendido villaggio che sorge sul fianco di una ripida collina e si estende fino a un ponte medievale sul River Windrush”. Presentato così ci è sembrata una tappa da non perdere, ma, come già accaduto in precedenza, Burford non ci è sembrato “splendido”, ma solo un villaggio pittoresco dalle case in mattoni non molto diverso dai precedenti. La prima parte del villaggio la si perde facilmente, perché entrandoci in auto dalla A40 non ci si rende conto che il villaggio è già lì e si tende a proseguire la discesa verso il “centro”. Il ponte medievale si intravede appena, perché gli accessi laterali sono parte di  proprietà private e sopra bisogna camminarci veloce perché è trafficato di auto in senso alternato. Il villaggio è semi deserto, negozi chiusi, così come chiusa è la bella chiesa di St. John a ridosso del fiume.
(Tempo di visita di Burford: poco più di 30 minuti. Parcheggio libero lungo la strada).

C’è tempo per l’ultima curiosità da toglierci, cioè vedere un altro “splendido villaggio”, chiamato Minster Lovell. La “serie di cottage di pietra” bianchi con tetto in paglia si più contare sulle dita di una mano tanto che, una volta entrati nel villaggio, decidiamo di non parcheggiare nemmeno. La Lonely Planet indica questo posto come “perfetto per una gita pomeridiana”, ma non capisco come si possa spendere qui un intero pomeriggio. Minster Lovell ha fama di essere il villaggio più infestato da fantasmi dell’intera regione.

Approfittiamo di essere in auto e facciamo una deviazione per cenare a “The Trout” (Godstow Road, Wolvercote), segnalato dalla Lonely Planet. Bel posto con terrazza sul fiume (tanto che le anatre passeggiano sul parapetto lungo i tavoli); anche le sale interne sono belle. Si mangia bene, il livello della cucina è alto, di conseguenza sono alti i prezzi (acqua 4£, portata media di 15£) e le portate piccole.

Giovedì 22 agosto: Woodstock, St. Albans, Cambridge (20°C, pioggia in mattinata, poi sereno)

In partenza alla volta di Cambridge, facciamo sosta a Woodstock, solo omonimo del più famoso villaggio che ospitò il concerto nel 1969. La visita poco aggiunge al fascino e alle peculiarità degli altri paesini della zona: penso che questo genere di valutazione sia comprensibile quando si visitano molti posti simili tra loro. Attrazione principale è il Blenheim Palace, luogo di nascita di Sir Wiston Churchill, per il quale sono richiesti ben 22£! (Tempo di visita: 30 minuti)

Di maggior fascino è St.Albans, città di origine romane di cui si nota, qui e lì, qualche traccia. Vale senza dubbio la pena visitare la cattedrale omonima che può essere raggiunta con una rilassante passeggiata attraverso il verde parco Verulamium. Su questo percorso potrete imbattervi nel Ye Olde Fighting Cocks, ritenuto il più antico pub della Gran Bretagna, in accordo al Guiness Book of Records secondo il quale la struttura risale all’undicesimo secolo.
Il giro in centro non offre molto: il grosso della vita è intorno High Street, Market Place e Chequer St. (pub e ristoranti), mentre qualche negozio e un po’ di traffico si trova dove confluiscono le ultime due strade.
Il miglior posto per parcheggiare è quello indicato dalle segnaletiche stradali nei pressi della cattedrale, altrimenti si finisce in centro città e la circolazione è molto lenta.

Arriviamo così a Cambridge (due pernottamenti al Tudor Cottage), la quale dovrà dimostrare anche a noi tutto il suo valore, non solo culturale, ma anche turistico.
A differenza di Oxford, Cambridge riesce a combinare solennità e imponenza ad alcuni tratti più tipici dei piccoli villaggi di campagna. Ci sono i bellissimi edifici dei college, ma c’è anche qualche costruzione più simile a un cottage che le dà un’aria più accogliente e meno fredda rispetto alla sua rivale. L’accesso ai parchi e al fiume che percorre la città sono più semplici perché non tutti sono riservati ai college.
Per questo pomeriggio, ci limitiamo a un bel giro in città. Data l’ora (siamo intorno alle 18) la città è  silenziosa ed è piacevole percorrere strade più o meno grandi (e più colorate di Oxford) senza la folla dei turisti. La città è più raccolta della rivale culturale ed è quindi molto più veloce da visitare. L’area intorno Bridge Street, Trinity Street e King’s Parade è quella più interessante. Un po’ più a sud ci sono poi Silver St. e Mill Lane che si aggirano intorno al fiume e conducono lungo il fiume stesso in una piacevole area verde (l’inizio del percorso verso Grantchester).

Anche qui, la bicicletta potrebbe essere un ottimo mezzo di trasporto.
A Cambridge non è facile nè molto economico trovare noleggi di biciclette: c’è Station Cycles (in Corn Exchange Street e alla stazione ferroviaria) che noleggi bici a 7£/4h oppure 10£/dì a cui aggiungono 1.50£ di assicurazione (chiusura ore 18). Per prendere la bici è necessaria una cauzione in contanti di 60£ a bicicletta oppure si lascia un documento di identità.

Venerdì 23 agosto: Cambridge, Grantchester (20-22°C, sereno; pioggia in serata)

Il primo appuntamento della giornata è la King’s College Chapel (ingresso 7,50£), splendido esempio di architettura tardo gotica (o “perpendicular”), dove tra l’altro la vigilia di Natale si rappresenta “A Festival of Nine Lessons and Carols” trasmesso in TV in tutto il mondo. L’architettura della chiesa è difficilmente osservabile dall’esterno; l’interno comunque è bellissimo, soprattutto per la volta a ventaglio e per le vetrate istoriate originali. All’altare maggiore c’è L’adorazione dei Magi di Rubens.

Il Trinity College è il più grande college di Cambridge (ingresso 2£). Davanti l’ingresso (in stile Tudor) è piantato un albero di melo che si dice discenda da quello reso famoso da Isaac Newton, uno dei tanti celebri studenti di questo College. Una volta entrati, c’è il Great Court (il giardino con la fontana al centro), il più grande spazio al mondo del suo genere; qui fu, tra le altre cose, girata la scena della corsa del film “Momenti di Gloria” (Chariot of fire). Oltre a questo si può vedere solo la cappella che non offre molto. Cambridge, trinity college
Alla biblioteca (Wren Library) si accede da un altro ingresso e non mi sembra ci sia stato chiesto di esibire il biglietto. La sala non è tra le migliori che io abbia visto, anzi è essenziale e non offre spunti architettonici interessanti e nemmeno molto calore. Nelle teche si possono osservare alcuni testi originali (per es. di Newton) e alcuni manoscritti, quali Winnie the Pooh, il cui autore e il figlio di questi (Christopher Robin!) si sono laureati al Trinity College.
I giardini intorno alla Wren Library fanno parte dei cosiddetti backs, appunto giardini e parchi che si estendono lungo il fiume Cam e che permettono belle vedute degli edifici dei college. Purtroppo sui prati non si può camminare nè, ovviamente, stendersi a riposare. In questa zona dovrebbe essere visibile il ponte dei sospiri (bridge of sighs), che io non sono riuscito a vedere. Lungo i backs si osserva anche il”punting”, questo singolare modo di condurre le piatte imbarcazioni sfruttando una pertica. Il costo di un giro non è da poco (siamo intorno ai 12-15£ a persona), a meno che non vogliate fittare una barchetta, fare una faticaccia e sperare di non cadere in acqua.

Cambridge, grantchester, orchard tea gardenCome detto, la città è molto compatta. Il tempo è ottimo e, con un po’ di fatica, convinco Adriana a prendere la bici verso Grantchester (noleggio da Station Cycles), itinerario segnalato dalla Lonely Planet che, in circa 30 minuti, conduce in un posto idilliaco e per me davvero british. Si chiama Orchard tea gardens (45-47 Mill Way: per raggiungerlo bisgona uscire dal percorso attraverso il prato), posto incantevole tra alberi di melo ( anche di peri?) già frequentato da gente come Virginia Woolf, Rupert Brooke, E.M. Forster, fino ad arrivare a Stephen Fry, Emma Thompson, Hugh Laurie.

Si racconta che The Orchard divenne una sala da tè per puro caso, quando cioè, nel 1868 un gruppo di  studenti di Cambridge , chiese alla padrona della Orchard House, Mrs Stevenson, il permesso di poter prendere il tè sotto gli alberi in fiore. L’atmosfera idilliaca soddisfò appieno gli studenti tanto che, in poco tempo, la voce si estese in tutti i college. Nel 1909 infatti, il giovane studente e futuro poeta Rupert Brooke si trasferì nella Orchard House dando vita al “Grantchester Group” formato dai filosofi Russell e Wittgenstein, dagli scrittori Virginia Woolf e Forster, dall’artista Augustus John. Il gruppo fu soprannominato dalla Woolf “Neo Pagans” in contrapposizione al più famoso “Bloomsbury Group” londinese. In questa cornice bohemien, i giovani usavano trascorrere il tempo tra lo studio, le nuotate nel vicino fiume e le passeggiate a piedi fino ai villaggi vicini.

Sala da tè storica, che però ha una originale novità tecnologica per l’ordinazione dei piatti.  E’ un disco colorato che vibra e si illumina quando il piatto è pronto, così che si possa andare al banco a ritirarlo: mai visto prima!
Trovato libero un tavolino e due sdraio, ci fermiamo un paio d’ore per un pasto leggero (panini e insalate, buoni) e per un vero cream tea in giardino. Anche la sala interna è carina, ma non si può arrivare qui e non sedersi nel giardino.
L’ultima sera inglese la passiamo all’Eagle, definito il miglior pub di Cambridge, posto accogliente, stile inglese, discreta cucina.

Sabato 24 agosto: Ely, East Midlands Airport – Roma Ciampino (20°C, pioggia)

La pioggia rende gli addi più semplici. Prima di raggiungere l’aeroporto facciamo una sosta ad Ely (si pronuncia “ili”), nome che gli appassionati dei Pink Floyd assoceranno di sicuro alla copertina del disco The Division Bell. L’attrazione del luogo è infatti la magnifica cattedrale (ingresso 7,50£, ma che sale a 14£ se si vuole visitare anche la torre ottagonale), soprannominata “Ship of the Fens”, perché quando qui era tutta palude sembrava flottare sulle acque.

Ci troviamo casualmente in coincidenza di una visita guidata gratuita che ci impegna un’ora, ma la cattedrale è veramente bella, per le dimensioni (la navata centrale misura 156 metri), l’architettura, per le decorazioni e per lo splendido e originale soffito costituito da 12 pannelli in legno dipinto con scene della bibbia. La visita alla torre (sopra, dove è possibile affacciarsi dai pannelli dipinti dell’ottagono) è possibile solo la domenica.
Anche il paesino merita un piccolo giro (vicino la cattedrale c’è la casa natale di Oliver Cromwell, che oggi ospita anche l’ufficio turistico), soprattutto quando le vie del centro ospitano un bel mercatino di oggetti e gastronomia. (Tempo di visita: 1 ora).

Link utili

http://www.visitbritain.com/
http://www.visitoxfordandoxfordshire.com/
http://www.cotswolds.com/
Skakespeare’s Birthplace

Una risposta a “Diario di viaggio: Cotswolds, Stratford-Upon-Avon, Oxford, Cambridge

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...