The Musical Box plays The Lamb

Quando suonano i The Musical Box salgono in cattedra i professori. Ho visto il gruppo canadese più volte, ma nell’ultimo spettacolo è sembrato, dall’attesa quasi riverente dei 1760 spettatori (sold out all’Auditorium della Conciliazione di Roma), che il pubblico stesse aspettando i veri Genesis. È noto che i The Musical Box sono l’unico gruppo al mondo autorizzato da Mr. Gabriel e i Genesis ad accedere ad archivi, tracce audio e immagini dello show di The Lamb Lies Down on Broadway messo in scena a cavallo tra il 1974 e il 1975, per l’invidia e curiosità di milioni di fans. Aggiungete qualche intervista agli stessi Genesis e ai tecnici che seguirono quel tour  e  il risultato che si ottiene è che per 2 ore sembra di essere fuori dal presente, seduti ad assistere allo stesso spettacolo cui assistettero i fortunati di quasi quarant’anni fa e che oggi, a causa della incomprensibile e incredibile assenza di qualsiasi registrazione video integrale del tour, resta l’unico modo per scoprire e capire cosa fu realizzato poco prima che Peter lasciasse il gruppo.
Come detto in altro post, The Lamb non è certo il mio album preferito e quindi temevo di annoiarmi. Nonostante il disco sia un album “grigio” (dai colori della copertina agli umori della band che sia avviava a una rapida divisione) il live è lo spettacolo più colorato dei Genesis dell’era Gabriel. Le slides sullo sfondo non distolgono l’attenzione dai musicisti e dalla musica, mentre le luci trasmettono calore, intensità e drammaticità. Premettendo che non è il massimo dei miei desideri ascoltare dal vivo le canzoni di un solo album (ed è questo il limite di questo spettacolo), il concerto trasmette comunque un’emozione costante (con pochissimi picchi – forse con la complicità delle grosse dimensioni dell’auditorium e dell’acustica non perfetta) e una energia superiore al disco, grazie alle doti teatrali di Denis-Peter e agli effetti scenici soprattutto della seconda parte, quando appunto, secondo me, i ritmi musicali del disco diventano un po’ meno fluidi della prima. E allora ritengo che The Carpet Crawler, che adoro, ha una resa emotiva minore di The Lamia nonostante i ritratti in stile Van Gogh sullo sfondo, che The Cage aveva già allora un’ottima drammaticità  e che tutta la scena di The Colony of Slipperman è di una originalità che stupisce anche in tempi di ultratecnologia.
Il costo del biglietto (63€ per il primo settore) lascia un po’ perplessi, ma considerati i costumi, la strumentazione, gli allestimenti e il lavoro di “ricerca” (come definito da Sèbastièn Lamothe-Rutherdford) dietro le ricostruzioni di ogni dettaglio, il lavoro di Denis e soci (stavolta mi è parso mancasse lo storico tastierista David Myers) ne vale tutti e ci dà l’idea di una specie di rendez-vous che non potrebbe altrimenti accadere.
I bis sono riservati a due pezzi marchiati dalla teatralità di Gabriel (come a dire: così non li vedrete più!): The Musical Box con tanto di old-man-mask  ma senza proiezioni in video, e Watcher of The Skies, esecuzione un po’ buia dove solo per un attimo Denis spiega le variopinte ed enormi ali del costume. Quello fu, nel maggio del 1975 a St Etienne, l’addio di Peter dai Genesis. Quella decisione, presa già mesi prima, Peter non ebbe mai il coraggio di annunciarla al pubblico durante il tour. Anche oggi, i The Musical Box lasciano il palco al buio e senza un saluto al loro pubblico, rievocando fino alla fine lo stile teatrale (un po’ sfuggente) del gruppo degli anno 70. Almeno però, come un film di fantascienza, i cloni canadesi torneranno ancora.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...