Campioni del mondo!

Italia campione del mondo di pallanuoto 2011
ITALIA – SERBIA 8-7 (1-0, 0-2, 4-1, 1-3. Extra time: 2-1, 0-0)
Dalle ceneri del 2009 al primo posto mondiale. Perfetta! Nazionale di pallanuoto perfetta, senza dubbi la nazionale più forte al mondo. Battuti, di fila, nei quarti di finale 10-6 la Spagna (medaglia d’argento a Roma 2009), in semifinale 9-8 la Croazia (campione d’Europa in carica, davanti proprio all’Italia) e in finale  la Serbia, campione del mondo uscente. E’ tornato il dream team? Non so, ma la crescita in soli due anni è esponenziale, dal secondo posto agli Europei 2010 al terzo titolo mondiale (gli altri nel 1978 e 1994) passando per una World League persa di un soffio a Firenze lo scorso giugno proprio contro i Serbi. Squadra senza grossi trascinatori (come fu invece la nazionale di Porzio, Fiorillo, Ferretti…) ma con un gruppo solido, tatticamente disciplinato, attento, pronto al sacrificio, paziente, sotto la guida eccezionale di Sandro Campagna. Sono state neutralizzate così le bocche da fuoco serbe, Filipovic e Udovicic su tutti, e la naturale superiorità fisica degli slavi. Su tutti, oggi come da qualche anno, Stefano Tempesti: portiere paratutto, oggi anche due rigori, premiato come miglior portiere del mondiale. Tra i migliori in acqua oggi segnalo Aicardi (3 gol) e Presciutti (2 gol e ottimo in difesa).
La partita inizia con segnali favorevoli, Gallo ci porta avanti in parità numerica dopo meno di 2 minuti e poco dopo Deserti trova un doppio palo ai due metri. Poi nel secondo tempo c’è un preoccupante buio che rimette la Serbia più che in corsa. In attacco l’Italia è innocua e imprecisa, sembra essersi disunita e aver perso la concentrazione; in difesa resta impenetrabile tranne che per l’errore di Figari che, dopo aver rubato palla in inferiorità numerica, lo regala a Prajlovic che mette in rete il pareggio senza opposizione. Altri 3 minuti e Cuk porta avanti la Serbia. Il terzo tempo è quello dove mi pare che ognuno giochi al meglio. Perchè l’Italia ne fa quattro, la Serbia solo uno. Apre Aicardi, accorcia Filipovic con un bolide da 7 metri, poi ancora Aicardi, Figlioli e Presciutti tutti in superiorità numerica. Con il punteggio sul 5-3 si apre il 4° tempo. Purtoppo dopo 40″ va subito fuori per tre falli Deserti, lasciando Aicardi come solo centroboa di ruolo. L’ultimo fallo di Deserti provoca un rigore, ma Filipovic se lo fa parare da Tempesti. Poco dopo però Udovicic realizza un veloce capovolgimento di fronte in cui l’Italia scala male le marcature. Presciutti riporta a +2 con l’uomo in più, riaccorcia Plejtovic ancora in superiorità numerica. A 2 minuti dal termine c’è un po’ di confusione che culmina con un dubbio rigore fischiato a Tempesti che si era trovato a tu per tu con un avversario. Questa volta Filipovic segna e ristabilisce la parità. Il tempo si chiude con Gitto che viene messo fuori per brutalità su Udovicic e con una superiorità per parte sprecata. E’ 6-6 e si va ai supplementari.
Il primo supplementare si apre con un doppio uomo in più per l’Italia (guadagnato a fine 4° tempo); butta dentro ancora Aicardi che oramai è in acqua stabilmente essendo unico centroboa. Filipovic ancora pareggia in superiorirtà numerica e poco dopo è ancora santo Stefano Tempesti che para un rigore su Udovicic. A 35″ dalla fine è Felugo che piazza l’8-7 che non cambierà nell’ultimo tempo. E’ la Serbia che ha l’ultima chanche, ma l’uomo in più a 35″ dal termine finisce fuori.
Alle 17:07 ora italiana suona l’inno di Mameli al’Oriental Sport Center  di Shanghai. Tutti sul meritatissimo gradino più alto. E poco dopo tutti in acqua, con tuta e medaglia.
Ecco il nuovo settebello: Matteo Aicardi e Deni Fiorentini (Carisa Savona), Valentino Gallo e Amaurys Perez (CN Posillipo), Stefano Luongo (RN Camogli – riserva), Arnaldo Deserti (RN Bogliasco), Christian Presciutti (Lake Iseo Brixia), Maurizio Felugo, Pietro Figlioli, Niccolò Figari, Alex Giorgetti, Niccolò Gitto, Giacomo Pastorino, Stefano Tempesti (Ferla Pro Recco).

Tabellino
Italia: Tempesti, Perez, Gitto, Figlioli 1, Giorgetti, Felugo1,
Figari, Gallo 1, Presciutti 2, Fiorentini, Aicardi 3, Deserti,
Pastorino. All. A. Campagna.
Serbia: Soro, Avramovic, Gocic, V. Udovicic 1, Cuk 1, D.
Pijetlovic, Nikic, Aleksic, Radjen, Filipovic 3 (1 rig), Prlainovic 1,
Mitrovic, G. Pijetlovic 1. All. D. Udovicic.
Usciti per limite di falli Aleksic (S), Deserti e Gitto (I) nel quarto tempo. Tempesti ha parato un rigore a Filipovic nel quarto tempo e uno a Udovicic nel primo supplementare. Espulso Pastorino dalla panchina per proteste nel primo tempo supplementare. Superiorita’ numeriche: Serbia 3/12 + 3 rigori e Italia 4/13.

Classifica: 1 Italia, 2 Serbia, 3 Croazia, 4 Ungheria

ALBO D’ORO E PIAZZAMENTI ITALIA TORNEO MASCHILE (fonte federnuoto.it)

Belgrado 1973: 1. Ungheria, 2. Urss, 3. Jugoslavia; Italia quarta
Cali 1975: 1. Urss, 2. Ungheria, 3. Italia
Berlino 1978: 1. Italia, 2. Ungheria, 3. Jugoslavia
Guayaquil 1982: 1. Urss, 2.Ungheria, 3. Germania Ovest; Italia nona
Madrid 1986: 1. Jugoslavia, 2. Italia, 3. Urss
Perth 1991: 1. Jugoslavia, 2. Spagna, 3. Ungheria; Italia sesta
Roma 1994: 1. Italia, 2. Spagna, 3. Russia
Perth 1998: 1. Spagna, 2. Ungheria, 3 Jugoslavia; Italia quinta
Fukuoka 2001: 1. Spagna, 2. Jugoslavia, 3. Russia; Italia quarta
Barcellona 2003: 1. Ungheria, 2. Italia, 3. Serbia&Montenegro
Montreal 2005: 1. Serbia&Montenegro, 2. Ungheria, 3. Grecia; Italia
ottava
Melbourne 2007: 1. Croazia, 2. Ungheria, 3. Spagna; Italia quinta
Roma 2009: 1. Serbia, 2. Spagna, 3. Croazia; Italia undicesima
Shanghai 2011: 1. Italia, 2. Serbia, 3. Croazia

Annunci

2 risposte a “Campioni del mondo!

  1. Fantastico ! Un post dedicato alla pallanuoto, è davvero una rarità ! Questa vittoria dell’Italia è stata celebrata meno di quanto sarebbe stato doveroso, un’impresa incredibile.

  2. Ciao! Visto che bravo? Se potessi scriverei ogni settimana, ma da quando sono a Roma riesco a vedere pochissima pallanuoto. Purtroppo questa è la gloria degli sport minori, soprattutto quelli che non sanno proprio vendersi al pubblico. Alla prossima vittoria!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...