La mia prima con Lillo e Greg: Intrappolati nella Commedia

“Intrappolati nella commedia” è un divertente lavoro teatrale che proprio ieri ha concluso le repliche alla Sala Umberto di Roma. Lo spettacolo è quello già presentato lo scorso anno al Brancaccio, ma stavolta ci sono nuove attrici e una scenografia che, a detta dello stesso Greg, ha permesso di superare alcuni limiti della passata stagione. In tutta onestà, mi sono avvicinato al teatro di Lillo e Greg con molta diffidenza: le loro apparizioni televisive mi sono piaciute sempre poco e l’unico apprezzamento resta “610”, la trasmissione che conducono dal 2004 su Radio 2. Con altrettanta onestà ammetto che la coppia funziona anche a teatro così come funzionano, divertentissime, anche le battute più semplici grazie alla varietà dei personaggi (linguaggi colti si mischiano al romanesco, personaggi aristocratici inglesi di fine 800 a persone reali della Roma contemporanea). L’idea, partorita da Claudio “Greg” Gregori, ha in parte come spunto una vicenda realmente accadutagli da (più)  giovane quando, per essersi attardato nel dopo spettacolo, rimase chiuso nel teatro Vittoria. Lillo e Greg, nella parte di loro stessi, fanno un sopralluogo sul palco dove allestiranno il loro spettacolo, ma trovano gli arredi e soprattutto i personaggi della commedia in scena la settimana prima, “Una moglie per Thomas”. Da qui parte la storia tra due dimensioni, quella di Lillo e Greg che vorrebbero preparare il loro prossimo spettacolo e quella di Reminton e Thomas, i protagonisti della commedia precedente nei cui ruoli Lillo e Greg sono costretti a calarsi pur ignorando il copione.  Ma mentre Lillo si fa prendere dal panico, Greg piano piano viene rapito dalla rappresentazione così come forse ogni attore di teatro dal suo lavoro. Tutti i comici tentativi di fuga  riportano gli attori sul palcoscenico oppure in un quiz televisivo al momento del domandone finale dove il proverbiale opportunismo italiano fa dimenticare a Lillo il suo desiderio di ritornare alla realtà (e a rinnegare il suo vero nome) a favore della possibilità di vincita di 500 mila euro. Il ritmo tiene bene per il primo atto (80 minuti), ma poi si trascina un po’ piatto e senza grossi spunti originali nel secondo (decisamente più corto, poco più di 20 minuti).  Greg si ritaglia anche qualche brano musicale, tra cui spicca l’esilarante “Caminetto twist” con cui si chiude il primo atto. Nel complesso posso dire che lo spettacolo è veloce e divertente nonostante, come dicevo, una seconda parte più lenta dovuta  alla versione noir della commedia intrappolante. Il merito del successo non è dovuto tanto alla qualità delle battute ma alle vicende in cui si inseriscono, aiutate senza dubbio dall’affiatamento degli attori e all’assortimento di caratteri del duo front-men. Se non fosse comica, la trama potrebbe essere benissimo adattata a qualche vicenda horror. Ma ci sono Lillo e Greg e forse è così che Lillo e Greg rappresenterebbero un horror.

Annunci

3 risposte a “La mia prima con Lillo e Greg: Intrappolati nella Commedia

  1. ormai pure critico teatrale…ti inviterei al mio saggio di improvvisazione ma diciamo che ho paura!!!

  2. Sì, sono il terrore delle compagnie teatrali, all’ingresso dei teatri c’è la mia foto segnaletica…Dai, ho visto DUE dico DUE tue fatiche e non le ho stroncate 🙂

  3. Pingback: Il mistero dell’assassino misterioso | Domenico·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...