Un concerto poco “sinistro”: Edoardo Bennato a Roma

Concerto Edoardo Bennato Roma 13 settembre Parco del Celio Atreju

Che Edoardo si sia sempre detto "senza bandiere" è risaputo, così come le sue canzoni sono state spesso politiche ma mai "partitiche". Certo vederlo suonare a una festa del Popolo delle Libertà è un po strano, lui comunque vicino alla sinistra e più o meno lanciato da una Festa dell’Unità. Forse il tutto sarà conseguenza di quel suo "sinistro", per essersi trovato con un po’ di canzoni pronte ma nessun editore, per essersi visto ridurre il mercato forse ben sotto il minimo e il giusto.
Al concerto arrivo un po’ in ritardo, credo mi sia perso i primi 15 minuti e non saprò mai se avrà suonato, proprio a pochi metri dal Colosseo, Meno male che adesso non c’è Nerone.
Edoardo è in buona forma, per la pri volta lo vedo con gli occhiali da vista e ha una band nutrita di 6 elementi: 2 chitarre (ottimi elementi davvero Porcelli e Scarpato), batterie, percussioni, basso e tastiera. Le canzoni sono intervallate dai suoi pensieri, talvolta, devo ammetterlo, un po’ troppo lunghi…
Mi fa piacere vedere che peschi volentieri nel suo passato: mi sorprende ascoltare Io che non sono l’imperatore e Rinnegato in versione molto rock ‘n’roll (un po’ mi ricordava le chitarre di Chuck Berry). Proprio su Rinnegato e Il Rock di Capitan Uncino le chitarre ci danno dentro che è un piacere.
Qualche passaggio acustico con le immancabili Il gatto e la volpe e Sono solo canzonette, Arrivano i buoni e Abbi Dubbi, ma sopratutto con un’altra chicca riservata ai bis: Venderò. E sempre nei bis vien fuori anche Un giorno credi e l’inaspettata Tu vuoi l’America, uno dei migliori pezzi di Ok Italia, album che per me significò la definitiva devozione a Edoardo (era il 1987, avevo 13 anni e cresciuto con le "canzonette" del mio concittadino e vicino di quartiere). A proposito di OK Italia, pochi giorni fa pensavo a come mi sarebbe piaciuto ascoltare dal vivo Mestieri che si inventano, magari con una partecipazione di De Gregori. Vedremo se il tempo presenterà l’occasione.
Spazio anche ad alcuni pezzi nuovi, ma purtoppo ammetto di non essere al passo con i tempi. Stop America è ancora fedele al buon pop che mi era piaciuto tanto in  Le ragazze fanno grandi sogni, anch’essa porposta nel concerto. Resto un po’ perplesso su Il gioco delle tre carte che non mi dice niente di nuovo e forse anche su C’era un re. Senza dubbio invece Sinistro mi fa riscoprire il sorriso ironico dei tempi migliori. Il pezzo che un po’ richiama nella musica e nei testi, qui e là, Invece no e Che combinazione, di questi tempi è attualissimo sia per l’autore sia per il posto dove è stato suonato (una festa di partito, a prescindere dal partito!). La canzone è anche una specie di sipario per la più famosa Signor Censore.
Sogno di mezza estate
è stato un bel pezzo estivo lo scorso anno, quando fu portato in giro con Alex Britti, e anche adesso resto della stessa opinione, nonostante (o soprattutto) per quel giro semplice e diretto di accordi che ne fa una versione aggiornata di Mangiafuoco.
Il concerto è chiuso da un’altra chicca, che non sentivo da un po’: è Nisida, che inizia in stile reggae grazie alla presenza del percussionista cubano e finisce in modo più duro come nel live del 1987.
E poi una bella versione de L’isola che non c’è, sotto un cielo che dopo la bufera del giorno prima ha mostrato il suo rosso serale beneaugurante. Speriamo anche per Edoardo, sempre generoso sul palco, sempre con la sua voglia di fare musica, adesso raccontata anche nel libro "Così è se vi pare" dallo scorso luglio in libreria. Ecco, a proposito di censure e sclete pubblicitarie, io non ne sapevo niene fino ad oggi…(Domenico, 15 settembre 2008)
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...