Turned it on!!

 

 
TURN IT ON
 
 
Di ritorno dal concerto dei Genesis a Brussel (24 giugno 2007, Stade Roi Baudoin)
 
Ciao gioventù,
rieccomi di ritorno dal concertone di Brussel (in lingua locale), sulla strada per Monaco….
Il mio concerto inizia il 23 giugno. Faccio un giro al famoso Atomium sche è a due passi dallo stadio. Provo a vedere se stanno montando il palco. Mi ferma una splendida bellezza locale: lei non parla inglese, io non parlo francese. Non mi fa entrare! (Nessun doppio senso…). Come si dice dalle mie parti: uocchie chine e mane vacante!
La serata del concerto è piovosa, piove fino all’inizio del concerto. Vorrei farmi un giro intorno allo stadio per cogliere l’atmosfera, ma sia per la pioggia sia per la freddezza degli indigeni mi metto al riparo nello stadio. Non prima però di avere indugiato 20 minuti nella scelta della maglietta (30 euro, minchia!!).
Raggiungo il mio posto: devo dire che vista la mia posizione molto distante dal palco avrei voluto essere sul prato, ma l’insistente pioggia mi risolleva.
Freddo!!! Mi aggiro cercando qualcuno che faccia foto. Macchine proibite, poi vedo che anche gli steward aiutano il pubblico a fotografare! "Me la mandi per mail?" chiedo, "Mi spiace non ho internet" mi risponde. Ma mi faccia il piacere!!Desisto!
Inzio alle 21.05 (finiremo alle 23.40), esplosione con l’intro di Behind the lines, ma capisco poco dato il pessimo audio. Sono paralizzato dall’emozione…
Il primo momento "lacrimoni" è il medley di The cage che toglie il fiato, ero lì a cantare ma in quel momento la voce è venuta meno dall’emozione. Purtoppo l’audio resta pessimo, talvolta stento a capire cosa stiano suonando!!
2nd home by the sea è la prima "long" del concerto, ma secondo me non dà più le emozioni di una volta. Piuttosto sono stupito dal risultato di Follow you: le proiezioni dei disegni dei vari personaggi delle copertine rendono l’atmosfera molto "familiare", quasi un modo per i Genesis di riabbracciare i loro fans e riabbracciarsi loro come gruppo.
Tocca a I know what I Like con le proiezioni molto affettuose di immagini di tutta la carriera dei Nostri.
Ripples è il secondo momento lacrimoni: che atmosfera!
Phil continua a scherzare, intrattiene, fotografa, suona spesso e volentieri la batteria: che bravo!
Il concerto, nel totale, è stato ottimo anche se alcuni passaggi ne hanno ridotto il pathos. Mi riferisco soprattutto all’incomprensibile esecuzione di Throwing dopo Ripples!!! Insieme a Hold on sono stati, secondo me, i due pezzi più stonati del concerto. In realtà anche il rude inizio dello strumentale di Firh of Fifht non l’ho gradito, ne ha tolto tutta l’atmosfera di quel crescendo verso il tripudio di tastiere del Tony.
Domino dal vivo è eccezionale ("Blood on the windows.." ma non riesco a capire Phil dov’è, si vede solo la sua faccia sullo schermo), poi segue un divertente Drum Duet e Los endos che tengono l’adrenalina alle stelle. Si finisce con Invisible Touch e i fuochi pirotecnici, ci può anche stare, si festeggia le reunion.
Ahimè i bis! I cant’ dance dopo 15 anni è un po’ leggera. The Carpet a fine concerto è un po’ sprecata per due motivi: il primo perchè segue appunto I can’t dance, il secondo perchè la gente comincia a sfollare e quindi non c’è nessum momento "accendino song".
Ultima annotazione sulla gente. Lo stadio non era affatto pieno e dal mio posto ho visto persone che sembravano più intente a vedere un documentario che a seguire i loro beniamini: tutti in silenzio, tranne il sottoscritto!!
Comunque, un piacere averli visti. E il biglietto, bellissimo, ce l’ho integro in esposizione a casa!
 
Setlist:
Behind The Lines / Duke’s End
Turn It On Again
No Son Of Mine
Land Of Confusion
In The Cage / The Cinema Show / Duke’s Travels
Afterglow
Hold On My Heart
Home By The Sea
Follow You Follow Me
Firth Of Fifth / I Know What I Like/Stagnation
Mama
Ripples
Throwing It All Away
Domino
Drum Duet
Los Endos
Tonight Tonight Tonight (intro)
Invisible Touch
Bis:
I Can’t Dance
The Carpet Crawlers

 

 

   

  

Annunci

2 risposte a “Turned it on!!

  1. Grazie per la visita e per i complimenti Domenico! 🙂 ..complimenti a te per il tuo spaces, perchè non metti anche tu il guestbook? io ho visitato il tuo spaces ma non ho lasciato prima un commento o la mia firma per questo motivo, non sapevo dove scrivere!.. ora però ho rimediato :-))

  2. Pingback: Bruxelles: diario di viaggio | Domenico·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...